Avatar

Alessandro Guglielmino

Classe 1982 – Cresciuto tra videogames, pc e film di fantascienza sono ora un programmatore/sviluppatore web appassionato di informatica, internet e tutto ciò che è tecnologico.

Siciliano approdato da non molto a Milano per lavoro, amo ascoltare musica, correre, leggere ed apprendere continuamente.

Forte sostenitore dell’open source e degli standard aperti, sono convinto che la via per il progresso sia attraverso la condivisione della conoscenza e dell’esperienza.

Ora fermamente deciso a intraprendere questa nuova avventura come mentor al CoderDojo, per sviluppare la creatività nei ragazzi, ma anche per imparare tanto da loro.

Avatar

Andrea Venturelli

Appassionato e curioso, ho accettato l’invito a diventare un mentor perché non bisogna mai smettere di imparare dai bambini e questa esperienza mi permette di farlo, divertendomi e restituendo in cambio (spero) un piccolo esempio di come il gioco aiuti a crescere sani e positivi! Un “coding” al giorno toglie lo stress di torno!!

Avatar

Angelo Sala

Nato 42 anni fa, si sente Ingegnere fin dall’età di 10 anni e più tardi lo diventa.

Ha lavorato come consulente per grandi aziende e oggi si occupa di project management in una società che sviluppa soluzioni per il broadcasting.

Papà di 3 bambini meravigliosi, cerca di dedicare il proprio tempo libero alla famiglia e all’educazione che oggi è diventata una passione.

Ha riscoperto i videogiochi grazie ai sui figli e si è convinto che il gioco possa ricoprire un ruolo importante nel futuro di adulti e bambini.

Avatar

Barbara Laura Alaimo

Barbara Laura, pedagogista per passione e professione, moglie per scelta (coraggiosa di mio marito!), mamma orgogliosa e in crescita di tre creature di 12, 10 e 5 anni.

Un sincero interesse da sempre per la famiglia … tanto che oltre alla mia, amo occuparmi di quella degli altri.

Osservando i bambini, ho scoperto che il gioco e la creatività salveranno il mondo.

Avatar

Beatrice Marcotulli

Bea per tutti, nata e cresciuta a Roma ma lombarda da 20 anni, si approccia all’informatica per orientamento scolastico nel lontano ’84; non diventerà la sua passione ma si scoprirà una pioniera del settore e, nonostante la laurea in economia, sarà la chiave per i successivi ruoli lavorativi.

Oggi è mamma e moglie alla ricerca quotidiana dell’equilibrio familiare con le sue 3 ‘ragazze’ di 13, 8 e quasi 3 anni, convinta che la crescita sia un percorso sì faticoso, ma più leggero se allietato da stimoli costruttivi ed esempi positivi quindi …. coderdojo è perfetto!

Ama leggere, andare in bici, scoprire nuovi locali e sogna di viaggiare o arredare case fantastiche!

Avatar

Carlo Alberto Degli Atti

Sono appassionato e laureato in informatica, papà di due bimbi e dalla tenera età di 6 anni mi diletto a programmare tutto ciò che è programmabile!

Sono passato dal C64 ad Amiga, da Linux al Mac saltando da assembler, C, Java fino ad arrivare a JS/Coffeescript e diversi 4GL.

Sono appassionato di scienze cognitive, di linguaggi di programmazione (ne ho pure creati un paio) ed elettronica.

Sono startupper (attualmente a San Francisco), amo il ragionamento, ma amo anche trasferire le mie passioni.

Avatar

Carmelo Presicce

E’ stato abbandonato davanti a un computer alla tenera età di 6 anni, quando gli schermi erano verdi e il mouse un oggetto sconosciuto.

Oggi ne ha 30 (portati benissimo) ed è uno di quei tipi strani che creano le app dei telefonini. Per vendicarsi vuole insegnare la programmazione a bambini di tutte le età.

Quando non è curvo davanti a un pc potete trovarlo in sala prove a pestare una batteria, al bar a chiacchierare di startup oppure a svolazzare tra le nuvole con un paracadute sulle spalle.

Avatar

Daniele Acquadro

Classe ‘70. Da sempre appassionato di informatica e lego.

Ho scritto il mio primo programma originale all’età di 13 anni su un bellissimo Sinclair Zx Spectrum; crescendo la passione si è spostata verso l’elettronica e la robotica, ma con l’arrivo di due splendidi figli, la lego-mania è tornata.

Sviluppatore, creativo tecnologico e aspirante maker; amo tutta la tecnologia: arduino, stampanti 3d, laser cutter, raspberry pi, robotica e realtà virtuale.

Avatar

Emanuele Cisbani

Vivo a Milano con mia moglie e tre figli, e continuo a nutrire un appassionato interesse per la spiritualità e la tecnologia.

Ho passato molti anni della mia carriera professionale usando e promuovendo il software libero, come soluzione innovativa nei contesti aziendali, e recentemente progettando e costruendo l’infrastruttura cloud di Time4Mind. Attualmente lavoro presso Intesi Group come technology evangelist, occupandomi di strategia e comunicazione.

Amo giocare con i miei figli usando divertenti “giocattoli” tecnologici come Arduino, poiché mi piace pensare che nel futuro prossimo saremo tutti in grado di fabbricare molte delle nostre cose. Studio inoltre la lingua ebraica, sperando un giorno di capire meglio la Bibbia.

Avatar

Fabio Mora

Classe 1990.

I miei mi insegnarono ad usare il PC: scrivevo, installavo i programmi, giocavo. Ma era molto tempo fa perché andavo all’asilo ed esisteva ancora Microsoft Windows.

A 11 anni ho iniziato ad andare al Linux User Group del mio paese e sono diventato tutto matto per l’informatica. Mi piaceva da matti poter creare qualcosa semplicemente sedendomi alla scrivania.

Vengo da un Istituto Tecnico Industriale grigio in cui mi sono divertito e sono cresciuto moltissimo. Poi ho fatto il freelance, l’imprenditore, il dipendente ed anche lo startupper. Sono membro attivo delle community Agile/Lean, Linux e PHP.

Alcune che mi piacciono sono: conoscere persone nuove, viaggiare, leggere, imparare, provare, suonare la chitarra e cantare, la pizza, la birra, Radio24, l’economia, camminare in montagna, correre, nuotare, fare festa e… boh! Scrivetemi, mail@fabio.mora.name!

Avatar

Filippo Selden

Nato quando venne pubblicato “What’s Going On” di Marvin Gaye. Ho passato la mia infanzia davanti ai Lego, i videogiochi ed MTV. Sono mezzo americano, adoro le pancakes, i scrittori russi e quelli giapponesi. Sono un razionale creativo e un curioso cronico. Marketing e tecnologia sono il mio pane.

Sposato e padre orgoglioso di due bambini che “mi lasciano secco” ogni giorno. Caratterialmente sono un ENFJ e il mio QI non compete con quello dei miei famigliari.

Ho fatto il Liceo Classico e poi Economia. Ho iniziato la mia vita lavorativa nel web, prima come designer e poi in una startup editoriale. Finita la bolla della new economy nel 2001 ho lavorato nella musica come direttore marketing di Universal ed EMI.

Attualmente lavoro in una società biomedica, insegno ad un Master di Branding allo IED e scrivo sul blog di Advertising Week.

Mi piace essere utile e far felici gli altri. Credo che si possa fare con passione qualsiasi cosa, anche la più insulsa.

Avatar

Francesco Grotta

Classe 87, in pianta stabile a Milano da ormai 5 anni, con spostamenti verso la terra natia foggiana ormai sempre più rare.

Scopre il mondo dell’informatica con un Commodore 64 a casa di cugini all’età di 7 anni. Il primo Pc arriva solo con la prima media, ma ciò non gli impedisce di scrivere, dischetti alla mano, una tesina di 5 elementare a casa di amici e parenti.

Appassionato autoditatta sino alla laurea in Ingegneria Informatica e dell’Automazione, ora si diverte a creare ecommerce per multinazionali, affrontare problemi lavorativi in modo agile e cercare sempre nuovi modi per far arrabbiare la ragazza.

CoderDojo è nata come un’avventura per restiruire qualcosa, ora è una passione. Vedere il sorriso dei bambini quando imparano a creare un gioco non ha prezzo. Vederli aiurarsi a vicenda, ancora di più.

La soddisfazione più grande? Vedersi contattare dai genitori su Linkedin per sapere quando e dove si terrà il prossimo incontro. Be Cool!!!

Avatar

Giacomo Cusano

Classe ’73, più simile a due giovani di vent’anni che a uno di quaranta, ha tre figli che si fidano di lui, un acquario, e una moto.

Appassionato di computer da quando vide il telefilm “Automan” negli anni ’80, è nato con il mitico Vic20 della Commodore, l’Amiga 500 e poi un’infinità di pc e Mac.

Oltre ai pulsanti gli piacciono le serie televisive e il National Geographic. Di professione è docente di corsi di computer e grafica presso Disciplina Digitale e IED Milano

Avatar

Giampiero Baggiani

Giampiero inizia la sua carriera ingegneristica a pochi anni di vita assemblando mattoncini LEGO (e tuttora continua a farlo).

Il suo scopo era capire come funzionassero le cose e il computer era una di quelle: “quel cursore bianco che lampeggia su uno schermo tutto nero è troppo brutto per essere magia”, pensava.

Oggi ha 27 anni, è un ingegnere informatico impegnato nel campo della domotica (un altro dei suoi sogni d’infanzia) con un gran desiderio di trasmettere la sua passione agli altri.

Avatar

Giordano Scalzo

Giordano è un costruttore e distruttore di software, pagato per farlo, da quasi trent’anni.

Da bambino, mentre i suoi amichetti parlavano tra di loro o con i loro amici immaginari, Giordano preferiva farlo con le macchine: prima, senza successo, con radio e televisione, poi con i computer, i quali hanno iniziato ad ascoltarlo e ad eseguire i suoi ordini.

Attualmente è Chief Software Blacksmith in Plugg, dove cerca di far parlare tra di loro telefoni, computer ed elettrodomestici.

Padre di due piccoli hacker, cuoco pasticcione ed aspirante scrittore, è convinto che ognuno di noi abbia una missione nella vita: la sua, forse, è quella di portare l’informatica a chi non la conosce o a chi ne ha paura.

Avatar

Giulia Olivares

1984 – Bambina incontra computer e decide che non fa per lei: quella macchina gigantesca non sa disegnare neanche un po’.

Oggi – Giulia è laureata in Metodologia della Critica Letteraria con una tesi sui libri di Bruno Munari, lavora come illustratrice e autrice per vari editori (De Agostini, G+J Mondadori, Garzanti, Giunti, Hachette, Long Ken and Cynosure, Milan Presse, Usborne Publishing e altri).

Trascorre una media di 10 ore al giorno al monitor, popola il web di personaggi destinati ai più piccoli (Drillo.it – Lolaslug.com) e grazie a un programma ancora in fase di test realizza degli app-books.

È convinta che i libri del futuro saranno molto simili ai videogiochi e sostiene Coderdojo per sviluppare la creatività degli adulti di domani. Sui computer ha cambiato idea.

Avatar

Luigi Torelli

La mia vita digitale inizia molti anni fa quando l’ms-dos sembrava l’undicesimo comandamento: ero un prof di educazione tecnica.

Un gruppo di studenti di un liceo viene da me dicendo che hanno ricevuto in donazione un sacco di materiale informatico ma nessuno ne sa niente.

Mi sono messo ad imparare da solo, non solo ad usare il personal ma a programmarlo: o meglio ad insegnare agli studenti a programmarlo.

Ho capito subito che ms-dos e basic non avrebbero suscitato adesioni entusiastiche, ho percorso altre strade, logo e disegno creativo, top down, problem solving, risoluzione di problemi con foglio di calcolo, ho promosso il code nella scuola.

Oggi, andato in pensione a 65 anni, collaboro con coderdojo, lavoro con scratch 2 ma non ho abbandonato scratch 1.4 per insegnare a costruire videogiochi.

Avatar

Marco Faedo

37 anni, ingegnere informatico.

Piemontese di origine, ma milanese di adozione: una volta stanco di stare al computer ama esplorare la propria città in bicicletta o di corsa.

Nonostante abbia ancora molto da imparare, ha scoperto che si diverte un mondo a insegnare!

Avatar

Marco Storto

Incontra i primi videogiochi a 12 anni e poco dopo scopre che può programmarli da solo in BASIC sul suo primo Olivetti PC128.

Decide di diventare ingegnere così può capire come funzionano dentro i computer e può finalmente progettarli e realizzarli.

Papà di due bambini che ha coinvolto nelle sue passioni: tecnologia, fotografia, sci e viaggi.

Oggi si occupa di product management per una multinazionale delle telecomunicazioni e nel tempo libero aiuta Coderdojo a far scoprire ai ragazzi che un videogioco programmato da se è molto più divertente

Avatar

Max Mazzieri

Folgorato all’età di 12 anni dal primo pac-man, scoperto in un bar sotto casa, è stato trascinato sulla strada dell’informatica dalla passione per i videogiochi, soprattutto quando ha scoperto che programmando poteva realizzarli da solo.

Col tempo la passione è diventata professione e oggi gestisce progetti informatici, facendo quindi lavorare gli altri, anche se in privato continua a realizzare piccoli programmi inutili divertendosi un sacco.

Ha una bellissima famiglia altamente tecnologica, infatti in casa ci sono più computer che esseri viventi, gatto compreso.

Quando non è dietro ad un monitor e una tastiera si diverte a suonare la chitarra, sciare e nuotare… ma solo perché non ha trovato ancora il modo di fare queste cose col computer :)!

Avatar

Orit Meytsar

Web-enthusiast, web developer, amante della ricerca su Google per ampliare le proprie conoscenze. Giocatrice di Minecraft, collabora al mantenimento del server Kismetserver.com e ne cura il sito. Nel tempo libero sperimenta con la fotografia HDR.

Fan di Star Wars, i supereroi, gli Anime degli anni ’70 (ricordate Goldrake?), si ispira spesso a Capitan Harlock: ‘L’universo è la mia casa… la voce sommessa di questo mare infinito mi invoca e mi invita a vivere senza catene… la mia bandiera è un simbolo di libertà’

Si ‘infiltra’ nel gruppo CoderDojo Milano realizzandone il sito a loro parziale insaputa. :)

Avatar

Roberto Previtera

Nato nell’anno del primo uomo sulla Luna, Roberto si avvicina ad un computer all’età di otto anni.

Affascinato da questo “giocattolo speciale”, si cimenta subito nella programmazione, passione che svilupperà nel corso degli anni, diventando poi professione e che coltiverà anche nel tempo libero.

Ora che è papà è entusiasta, grazie a Coderdojo, di dare una mano alle nuove generazioni ad utilizzare le nuove tecnologie nel modo migliore, ovvero smontandole e rimontandole come si faceva con i giocattoli di latta.

Avatar

Salvatore Cordiano

Calabrese, classe ‘86, secondogenito, è cresciuto in mezzo all’elettronica.

Nel 2009 ha fondato GioiaSport, il primo giornale online della sua città.

Si è laureato a 23 anni in Ingegneria Informatica cum laude.

Ha insegnato tematiche legate al mondo ICT presso l’Università per Stranieri “Dante Alighieri” e l’Anisap Calabria.

È stato System Administrator della Scuola Nazionale dell’Amministrazione e Team Leader.

Oggi vive a Milano dove lavora come full stack developer.

Avatar

Simone Civati

32 anni analista software e sviluppatore.

Milanese di nascita ma pavese di adozione, ha frequentato l’ ITIS informatico e ha conseguito la laurea breve in ingegneria informatica presso il politecnico di Milano.

La sua avventura con l’informatica nasce alle elementari con software educativo per i bambini ‘Logo’ per proseguire in compagnia del suo Commodore64 con l’aiuto della jackson libri.

Sempre pronto ad accettare nuove sfide e ad imparare qualcosa di nuovo. Amante della nona arte in ogni sua forma e collezionista incallito di fumetti.

Nel tempo libero si diletta a videogiocare e fotografare.

Avatar

Simone Marzolla

Programmatore da sempre: maniaco di Lego, smontava i giocattoli per capire come funzionano.. e a volte riusciva a rimontarli.

Fulminato da Vic20 a Amiga500 ha raggiunto l’illuminazione quando e’ riuscito a trovare un iPad2 in offerta alla Coop.

La sua malattia arriva al punto di ipotizzare un Arduino nella macchinetta del caffe’ per ridurre i tempi di attesa davanti alla stessa necessari per la scelta.

Mangia libri di cibernetica… ma poca insalata!

Avatar

Stefania Gabrielli

Stefina per gli amici. Quindicenne per due. Marchigiana, amante della vita e della buona cucina :D.

Dopo cinque anni all’Università Informatica di Bologna, e sei mesi in Erasmus, in rivoluzione giovanile, è atterrata in cerca di fortuna a Milano.

Da due anni Consultant Web Developer per una multinazionale. Attrice per hobby e per il gusto di mettersi in discussione.

Fuori dall’ufficio? Sogna!

Ha capito che sognare porta a grandi idee e sognare non è solo una prerogativa dei bambini ma per farlo devi imparare da loro: Coderdojo.

Avatar

Stefano Panzera

Ciao a tutti,

Inizio a dirvi cosa non sono: non sono un ingegnere, non sono un programmatore.

Cosa sono allora?

Come tutti i mentor di Coderdojo sono un vero appassionato di tecnologia sin da bambino.

Come tutti i mentor di Coderdojo gioco ancora con i Lego (anche se non tutti osano confessarlo).

Sono anche un papà di due bambini che frequentano Coderdojo da diverso tempo, divertendosi molto e, soprattutto, passando del tempo in compagnia di altri bambini e ragazzi che hanno fatto loro il motto di Coderdojo: BE COOL!

Avvicinandomi al movimento di Coderdojo come genitore ho capito subito che insegnare ai bambini a programmare è una cosa bellissima.

La loro incredibile fantasia, la disponibilità a provare qualcosa di nuovo e la capacità di far fare ad una macchina (non solo ad un computer) quello che vuoi, formano una miscela esplosiva.

Quindi ho deciso di provare anch’io a fare il mentor. Dopo mesi sto ancora provando e adesso mi diverto anch’io con/come i miei figli (forse anche di più).

Avatar

Stefano Ricci

Ingegnere per formazione, ho scoperto il computer nei primi anni 80 (quanto tempo, ahimè!).

Era un VIC-20, con tanto di cassette per registrare i programmi, e l’occasione fu un corso organizzato dalla scuola (una sorta di CoderDojo ante-litteram).

Nell’85 il primo IBM-compatibile, preferito per questioni di prezzo a un Apple-II e li fu subito Pac-Man (ma anche gestione dell’indirizzario del mio paese e la sprotezione dei programmi basic).

Venne poi l’università, il programma di scacchi e quello di dama (che difficilmente battevo). Negli anni a seguire tante tecnologie, tanti linguaggi, ma sempre con tanta, tanta curiosità.

Oggi corro per le colline di Invorio con moglie, figlio e amico a 4 zampe, gioco a scacchi (maluccio), divoro libri e, tra tutto questo, continuo ad occuparmi di software.

Avatar

Toto Castaldi

Nato 37 anni fa.

Alla domanda “Cosa vuoi fare da grande ?” da piccolino rispondevo : “l’inventore !”.

Ad un certo punto i pochi Computer che potevo vedere in giro mi affascinavano stranamente.

A 10 anni il mio primo programma : scopiazzando dal manuale del mio PC128 sul monitor a fosfori verdi ero riuscito a disegnare il profilo di un Paperino … fantastico !

Da sempre studio e lavoro nella programmazione, che per me è sopratutto creatività.

Ora sono papà di due bimbi a cui faccio fatica a spiegare il mio lavoro. Sono circondati dalla tecnologia e fantastico su quante cose potrebbero fare.

Le mia passioni: videogames e bicicletta, la mia compagna di avventure!

Avatar

Vittorio Scibetta

Milanese, 38 anni, Ingegnere per titolo, Informatico per scelta, Sviluppatore per passione, Vittorio ha scoperto l’informatica da bambino ed è stato un colpo di fulmine.

Dopo la maturità scientifica è approdato alla facoltà di Ingegneria del Politecnico di Milano con l’ambizioso progetto di costruire una versione nostrana del Grande Mazinga e farlo emergere dalla piscina comunale Ponzio.

Tra i promotori iniziali del Coder Dojo Milano, ora impegnato in un’avventura in the UK, sogna di realizzare, prima o poi, una sessione di coding mista con bambini di tutte le nazionalità.